Tag

, , , , , ,

Oggi, insieme al collega Prof. Fabio Marchetti, Condirettore scientifico Fondazione Bruno Visentini, e a Vincenzo Boccia, Presidente Comitato Tecnico per il Credito Confindustria, abbiamo presentato presso la Confindustria di Chieti e Pescara i principali risultati sull’indagine sui lacci e lacciuoli che continuano ad affliggere le imprese italiane (per maggiori informazioni sulla ricerca clicca qui).

Screenshot 2015-12-03 12.37.33

Non sto parlando delle imposte che a vario titolo gravano sull’attività di impresa e che ci pongono già tra i paesi con la più forte imposizione sulle attività produttive, ma dei costi generati dalla numerosità, dalla farraginosità e da ultimo dall’incertezza che pesano sugli adempimenti necessari per evadere le varie imposte.

Non si può negare che l’attuale governo si stia impegnato per ridurre tali tributi occulti, ma la sensazione è che il problema non sia proprio in testa alla agenda di Matteo Renzi, quando invece dovrebbe esserlo e ora vediamo perché.

Come si può ben comprendere nella tabella che segue, quello che già in precedenza ho definito un vero e proprio tributo occulto (vedi post del 22 maggio 2015 “La piramide del tributo occulto”) ha rappresentato nel triennio precedente e rappresenta una fetta componente importante, o meglio, una diseconomia importante che si abbatte sul bilancio del nostro Paese.

Anche a voler mantenere costante il tributo occulto (taluni dicono che è aumentato…) si scopre che tra il 2011 e il 2013 lo stesso è passato dall’1,84% del PIL all’1,87% del medesimo.

Ancora più sorprendente è tuttavia l’incidenza del tributo sugli investimenti fissi lordi (in calo nel triennio a causa della recessione) operati dai produttori.

Ebbene qui l’incidenza è salita dal 9,31% al 10,83%.

Lacci e lacciuoli zavorra all'economia italiana

In conclusione, e questo è il dato di gran lunga più sorprendente, sembra che non ci si renda conto che con una riforma vera del sistema tributario, a costo zero, potrebbe veramente “allungare la coperta”, cosa, che di questi tempi è il problema più difficile.

Per maggiori informazioni sul convegno clicca qui

Per la presentazione dei dati clicca qui

Annunci