Tag

, , , , , , , ,

Ho dato alle stampe nel 2014 Ladri di futuro e ora, dopo cinque ristampe, mi sono sentito in dovere di mettere mano a una nuova edizione. Il tema persiste nella sua gravità. L’avvento e il perdurare della crisi hanno portato in primo piano la condizione dei giovani spesso forzatamente inattivi, sotto occupati, sottopagati, disillusi. I giovani tra i 18 e i 29 anni che non lavorano, non studiano e non si formano sono in leggero calo (dato ISTAT II trimestre 2016) ma comunque continuano a sfiorare i due milioni di unità. La comunità scientifica e i media li considerano un oggetto di studio.

Il presupposto di questo libro, al contrario, è che  i giovani, – la generazione dei Millennials – devono invece essere considerati un soggetto: un soggetto individuale, carico di sogni e determinato a volerli realizzare, ma anche un soggetto collettivo, troppo spesso mantenuto ai margini della vita democratica, del mondo del lavoro e delle Istituzioni, e spinto verso la realtà virtuale di Internet.

Le nuove generazioni dovranno affrontare un mondo nuovo, purtroppo non tanto diverso da quello immaginato da Huxley, che attualmente preclude a questa generazione anche la visione, la speranza, l’aspettativa di un benessere futuro.

ladri-di-futuro-nuova-copertina

I successivi studi sul divario generazionale realizzati grazie al ClubdiLatina e alla Fondazione Bruno Visentini mi hanno permesso di mettere maggiormente a fuoco l’entità del denunciato divario generazionale e dunque, in questa nuova edizione, oltre alle cause viene anche delineata e definita la metrica del divario.

Saper misurare prelude al saper controllare. Ladri di futuro. La rivolta dei giovani contro l’economia ingiusta vuole dunque porre le basi di una nuova sostenibilità integrata, e rappresentare i tratti di una vera e propria rivoluzione culturale da parte di una generazione che avrà presto sulle spalle un esercito di longevi pensionati e un pianeta da curare. Se il soggetto è giovani, il predicato è agire, prima che sia troppo tardi.Questa è la nuova sfida.

Per maggiori informazioni sulla nuova edizione clicca qui

Per informazioni sulla seconda edizione del concorso Riprendiamoci il futuro clicca qui

Annunci