Tag

, , ,

La settimana scorsa si sono tenute a Roma una serie di celebrazioni per il 60° compleanno del progetto di integrazione Europea. Come noto, in considerazione di questo evento, che dovrebbe essere stato un momento di riflessione sul futuro dell’Europa, il presidente della Commissione Jean Claude Juncker ha pubblicato il Libro bianco sul futuro dell’Europa: le strade per l’unità nell’UE a 27, che prospetta cinque possibili percorsi e traguarda l’Unione europea al 2025. Poco si è detto invece circa la Risoluzione del Parlamento europeo del 19 gennaio 2017 su un pilastro europeo dei diritti sociali (2016/2095(INI)), passata del tutto inosservata e, invece, a differenza del Libro Bianco, densa di contenuti e spunti normativi.

stilo

(Fontana a Stilo)

Il documento finalizza la lotta all’evasione e all’elusione fiscale al sostentamento di investimenti pubblici nonché alla sostenibilità dei sistemi di protezione sociale, invitando i paesi membri a ridurre l’attuale cuneo fiscale, preservando la sostenibilità e l’adeguatezza dei regimi di previdenza sociale nazionali. Un’agenda di lavoro che speriamo i capi di governo convenuti a Roma la settimana scorsa riescano quantomeno a mettere a calendario. Se si può discutere sui percorsi per arrivare al 2025, sul pilastro sociale si dovrebbe trovare subito un’intesa.

Per saperne di più leggi il mio articolo di ieri pubblicato su Il Sole 24 Ore:

Lotta all’evasione per mantenere pensioni e appalti – Il Sole 24 Ore 02.04.17

Annunci